Decreto Legislativo 16 aprilen. Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione. I membri del comitato sono eletti dal collegio dei docenti nel suo seno. Il comitato dura in carica un anno scolastico. Le funzioni di segretario del comitato sono attribuite dal presidente ad uno dei docenti membro del comitato stesso. Al bonus possono accedere tutti i docenti di ruolo, assunti a tempo indeterminato.

Portale di Ateneo - Unibs.it Portale di Ateneo - Unibs.it

Collegati Guida Dove siamo Contatti. Istituto Comprensivo n. Rendicontazione Sociale e Customer Satisfaction. Ultima modifica: 20 Agosto Comitato di valutazione del servizio dei docenti comitato di valutazione del servizio Decreto Legislativo 16 aprilen. Area della formazione: ovvero curare la formazione continua, mettersi a disposizione per migliorare i percorsi formativi a scuola e fare uso di nuove tecnologie.

Pubblicazioni (linee guida)

Composizione del Comitato di valutazione Triennio componente docenti come da delibera n. Il sito www. Utilizzando il sito, si accetta l'utilizzo dei cookies da parte vostra. Accetto Maggiori informazioni.Dipartimento di Medicina e Chirurgia. Salta al contenuto principale. Presentazione: storia e missione Contatti, dove siamo e come raggiungerci Organizzazione del Dipartimento Personale News ed eventi Bandi e Concorsi Qualita' di Dipartimento.

Erasmus e Internazionalizzazione Tirocinio post laurea - Psicobiologia e Neuroscienze Cognitive Tutorato Aree scientifico-disciplinari Elly - Piattaforma didattica on-line Formazione obbligatoria in materia di Sicurezza nei Luoghi di Lavoro degli studenti nuovi immatricolati Segreteria Studenti Servizio per la Qualita' della Didattica ex Segreteria Didattica Riconoscimento di Titolo Accademico conseguito all'Estero Norme di comportamento per gli studenti in caso di emergenza Utilizzo postazioni computer aule.

Regolamenti Documenti Gestione web Moduli Piano triennale della la prevenzione della corruzione e della trasparenza P. Supporto didattica on-line DiMeC. Qualita' dipartimento. Ammissioni ai Corsi di Laurea. Servizi on line di Ateneo. Elenco telefonico di Dipartimento. Laboratorio di Biostatistica. Simulazione in Medicina. Utilizzo computer aule didattiche. Facebook - Dipartimento. La carta multiservizi. Redazione Web Privacy.

IVA tel.Possono essere nominate ulteriori apposite commissioni, comitati, anche permanenti, disciplinandone i relativi compiti. Non precludono l'elettorato attivo e passivo aspettative e congedi per motivi di salute o di famiglia, di ricerca o di studio.

Il Segretario di Dipartimento, o suo delegato, partecipa alle sedute del Consiglio con funzioni consultive e di verbalizzazione. Le rappresentanze di cui al precedente comma 1, lettera cdurano in carica un triennio accademico. Le rappresentanze di cui al precedente comma 1, lettera ddurano in carica un biennio accademico. Le rappresentanze di cui al precedente comma 2 durano in carica un anno accademico. Le votazioni sono valide se vi abbia preso parte almeno un terzo degli aventi diritto.

Il Direttore provvede alla costituzione di un seggio elettorale composto da un Presidente e da due componenti, di cui un segretario. Sono proclamati eletti coloro che hanno ottenuto il maggior numero di voti. Gli eletti sono nominati con decreto del Rettore. Il Direttore di Dipartimento - in quanto organo amministrativo di vertice - esercita le seguenti attribuzioni:. Il Direttore designa tra i Professori di ruolo del Dipartimento un Vicedirettore, che lo sostituisce in caso di assenza o impedimento.

La carica di Vicedirettore cessa con quella del Direttore.

linee guida dipartimentali per lattribuzione del titolo di visiting

Al Comitato partecipa, se ne viene fatta richiesta, anche il Segretario di Dipartimento, o suo delegato, con funzioni consultive. Il Comitato dura in carica tre anni accademici e decade comunque alla scadenza del mandato del Direttore. In particolare il Comitato per la didattica:. Il Comitato dura in carica per tre anni accademici e decade comunque alla scadenza del mandato del Direttore. I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente.

Inoltre, con l'introduzione dell'HTML5 sono disponibili diverse forme di storage locale e tecnologie similari, come, ad esempio, web beacon, pixel di tracciamento e GIF trasparenti, che sono utilizzabili per raccogliere informazioni sul comportamento e le scelte dell'utente e sull'utilizzo dei servizi. In questo documento, per semplificare, utilizzeremo il termine "cookie" per fare riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari.

In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie possiamo distinguere due macro-categorie:.Obiettivi specifici: Gli obiettivi formativi specifici di questo corso di Laurea sono rivolti alla formazione tecnico-professionale dei laureati, abilitati all'esercizio della professione di Fisioterapista, e il loro raggiungimento si realizza attraverso un apprendimento teorico e pratico rivolto alla specificita' della professione, comprendenti discipline fondanti gli ambiti culturali internazionali Core Curriculum del Fisioterapista, v.

Le attivita' di base sono state scelte nell'ottica di una preparazione di ordine generale in vista di un'applicazione in ambito riabilitativo.

In particolare ci si e' orientati verso discipline basilari per la conoscenza dell'anatomia umana, della fisiologia dei sistemi di movimento e altre discipline correlate ai sistemi di moto, anche in ambito fisiopatologico. Inoltre e' stata considerata la necessita' di inserire discipline che consentano conoscenze di base per l'approccio all'emergenza ed al primo soccorso.

Nelle attivita' caratterizzanti sono state privilegiate discipline di ambito fisioterapico senza tralasciare tuttavia ambiti di patologia medica e chirurgica di interesse fisioterapico neurologia, ortopedia, malattie dell'apparato cardio-circolatorio etc. Sono state inoltre selezionati insegnamenti di impronta manageriale e di salute pubblica prevenzione, applicazione della Legge relativa ai rischi nell'ambiente sanitario.

Si e' tenuto anche conto di fornire conoscenze pratiche per una diagnostica generale di imaging. I Corsi Opzionali, come negli anni precedenti, sono attivati all'inizio di ogni anno accademico, sentite le richieste degli studenti e tenuto conto dell'offerta dei docenti.

Gli insegnamenti denominati "altre attivita' formative" si propongono di sviluppare nello studente la comprensione dei concetti di base in ambito biomedico e le competenze informatiche. Ci si propone anche di rendere capace lo studente all'utilizzo dei piu' comuni software dedicati alla ricerca bibliografica. Ci si propone anche di far comprendere ed interpretare la letteratura scientifica, nell'ottica dello sviluppo professionale.

Autonomia di giudizio: Il laureato al termine del percorso di studi sara' in grado di conoscere e saper applicare, in modo autonomo, il processo fisioterapico utilizzando il ragionamento clinico come strumento guida al criterio di scelta all'interno delle possibili opzioni che compongono le varie fasi del processo medesimo. L'autonomia di giudizio del laureato Fisioterapista si concretizzera' in modo compiuto attraverso l'uso abituale e giudizioso della comunicazione, delle conoscenze, delle abilita' tecniche, del ragionamento clinico processo diagnostico e valutativodelle emozioni, dei valori, della riflessione nella pratica quotidiana a beneficio del singolo individuo o della comunita.

Abilita' comunicative: Il laureato al termine del percorso di studi dovra' essere in grado di gestire al meglio la comunicazione intesa come capacita' di instaurare una relazione terapeutica significativa con la persona e di stabilire un rapporto efficace con tutti gli altri professionisti della medesima o di altre discipline; dovra' inoltre essere capace di utilizzare gli strumenti della comunicazione in ambito sanitario dimostrando di saper compilare la cartella fisioterapica, stilare una relazione terapeutica, progettare un intervento fisioterapico ecc.

Strumenti didattici: attivita' d'aula, Laboratori di simulazione, Tirocinio Modalita' di verifica: relazioni scritte sugli aspetti comunicativi del setting riabilitativo; briefing con i tutor, e con il coordinatore; presentazione orale e scritta di progetti;tirocinio.

Capacita' di apprendimento: Il laureato Fisioterapista sapra' condurre un'auto-valutazione del proprio livello formativo in modo da mantenere il proprio sapere al piu' alto livello richiesto per la pratica professionale e progettare percorsi di auto-formazione per implementare le proprie competenze, con particolare riferimento all' Evidence Based Practice in ambito riabilitativo e fisioterapico. Questa capacita' sara' sviluppata e verificata con la preparazione degli esami, con la frequenza e la relativa valutazione del tirocinio, nel quale viene coniugata la teoria con la pratica, con l'uso critico della letteratura scientifica e della bibliografia anche per la preparazione della prova finale.

Pubblicazioni (linee guida)

Strumenti didattici: attivita' d'aula, seminari, laboratori di simulazione, tirocinio. Profilo: Fisioterapista Funzioni: Il fisioterapista svolge la sua funzione in via autonoma o in collaborazione con altre figure sanitarie; svolge gli interventi di prevenzione, cura e riabilitazione nelle aree della motricita, delle funzioni corticali superiori e di quelle viscerali conseguenti a eventi patologici di varia eziologia, congenita od acquisita.

Elabora, anche in Equipe multidisciplinare, la definizione del programma riabilitativo volto all'individuazione ed al superamento del bisogno di salute del disabile; praticando autonomamente attivita' terapeutiche per la rieducazione funzionale delle disabilita' motorie, psicomotorie e cognitive utilizzando terapie fisiche, manuali, massoterapiche ed occupazionali; propone l'adozione di protesi ed ausili, ne addestra all'uso e ne verifica l'efficacia; verifica le rispondenze della metodologia riabilitativa attuata agli obiettivi di recupero funzionale.

Competenze: Sbocchi: Il Fisioterapista trova collocazione nell'ambito del S. Nazionale e Regionale v. La normativa in vigore consente lo svolgimento di attivita' libero professionale, in studi professionali individuali o associati, in associazioni e societa' sportive nelle varie tipologie, in cooperative di servizi, organizzazioni non governative ONGservizi di prevenzione pubblici o privati.

Il corso di laurea statisticamente risulta primo tra le richieste per laccesso ai corsi di laurea delle professioni sanitarie allUniversita' di Palermo. Anche in Italia, considerato proporzionalmente il numero delle richieste il Corso di Studi di Fisioterapia risulta il primo.

linee guida dipartimentali per lattribuzione del titolo di visiting

In Italia i dati statistici affermano che la totalita' dei laureati in Fisioterapia viene inserita nel mondo del lavoro entro un anno dal conseguimento del titolo. Da una statistica in possesso del corso di studi di Palermo i laureati nella nostra Universita' trovano occupazione entro i tre mesi dal conseguimento del titolo nelle seguenti strutture: Strutture pubbliche, centri convenzionati di FKT, ADI, RSA, libera professione.

La prova finale del Corso di Laurea ha lobiettivo di accertare sia il livello conseguito dallo studente nellacquisizione delle conoscenze di base e caratterizzanti il Corso di Laurea sia la specifica preparazione professionale. Considerato che il Corso di laurea in Fisioterapia, afferente alla classe 2 della riabilitazione, ai sensi dellart. La prova finale si compone di: a una prova pratica nel corso della quale lo studente deve dimostrare di aver acquisito le conoscenze e abilita' teorico-pratiche e tecnico-operative proprie dello specifico profilo professionale; b redazione di un elaborato di una tesi e sua dissertazione.

La prova pratica e' strutturata in modo da permettere al candidato di dimostrare di avere acquisito le conoscenze e le abilita' pratiche e tecniche inserite nel contesto operativo previsto dal proprio profilo professionale. La valutazione accademica consistera' nella elaborazione di una tesi incentrata nella peculiarita' della professione di Fisioterapista. Le diverse parti dellunica prova finale devono essere valutate in maniera uguale, concorrendo entrambe alla determinazione del voto finale dellesame.

Per essere ammesso alla prova finale lo studente deve avere acquisito, almeno 20 giorni lavorativi prima della data fissata per la sessione di laurea, tutti i crediti formativi previsti dallordinamento didattico del Corso di Studio con leccezione dei CFU assegnati alla prova finale che vengono acquisiti allatto della prova.Si consiglia di utilizzare come browser Mozilla Firefox scaricabile all'indirizzo: Link al sito o Google Chrome scaricabile all'indirizzo: Link al sito.

The course specifically aims at providing advanced knowledge in research methodology, through statistics, computer science, applied research. Students also take a course of Medical English aiming at the comprehension of scientific literature, with the possibility of taking PET and or FCE examinations. The theoretical-practical training in physiotherapeutic science is carried out through frontal teaching, practice, educational laboratories and professional training in specific sector, such as the rehabilitation of muscle-skeletal, neuro-motorial, cardio-respiratory and digestive system, for all ages.

The relational skills needed to interact with patients, caregivers and the professional system is developed through the teaching of human and psycho-pedagogical sciences. Core activities are mainly related to the knowledge of human anatomy. Physiology of motorial system and of other subjects related to the movement, in physio-pathological ambit too.

Subjects related to first aid and emergency have been included too. Class specific activities are related to the physiotherapy ambit as well as to the areas medical and surgical pathology related to physiotherapy neurology, orthopaedics, cardio-circulatory diseases, etc. The course also offer teachings in the fields of management and public health prevention, laws about hazards in healthcareas well as of general and image disgnostics. Optional teachings are provided on the basis of students' requests and of professors' availability.

The teachings listed as "other educational activities" aim at helping students develop an understanding of the basic concepts in the biomedical fields as well as computer skills.

The course also enables students to use the most common software dedicated to the literature search, and to understand and interpret the scientific literature for their professional development.

The legislation allows the carrying out of professional activity, in individual or group associations cabinets, in various types of sport associations and clubs, service cooperatives, non-governmental organizations NGOspublic or private prevention services.

In a recent survey of Unioncamere www. Final examinations are organized in two sessions in specific periods, defined at the national levelby decree of the Minister of the University in consultation with the Minister of Health.

The examining Board consists of not less than 7 and no more than 11 members, appointed by the Rector on the recommendation of the degree course, and includes at least two members appointed by the professional Board of vocational, if anyor from professional associations identified by special decree of the Minister of Health on the basis of national representativeness.

The dates of the sessions shall be communicated to the Ministries University, which can send their representatives, to the individual sessions. Should the above components not be appointed, the Rector exerts its power in replacing them. The final mark is awarded out of Bando di selezione.

CODICE DI COMPORTAMENTO (VERSIONE SEMPLIFICATA)

Nomina della commissione. Approvazione atti e conferimento borsa.

linee guida dipartimentali per lattribuzione del titolo di visiting

Approvazione atti e conferimento incarico. In seguito alle votazioni tenutesi il 31 Maggio presso gli uffici amministrativi del DiSVA, risultano eletti come rappresentanti dei dottorandi e degli assegnisti nella giunta del dipartimento:. Verbale della commissione elettorale. In seguito alle votazioni tenutesi il 29 Maggio presso gli uffici amministrativi del DiSVA, risultano eletti come rappresentanti dei dottorandi e degli assegnisti nel consiglio del dipartimento: Cristina Porcu, Riccardo Melis e Giulia Bianco.

Borsa di ricerca: Indagine conoscitiva sulla rimonta delle ceche di Anguilla anguilla L. Nomina della commissione Approvazione atti e conferimento borsa. Nomina della commissione Approvazione atti e conferimento incarico. In seguito alle votazioni tenutesi il 31 Maggio presso gli uffici amministrativi del DiSVA, risultano eletti come rappresentanti dei dottorandi e degli assegnisti nella giunta del dipartimento: Giulia Bianco assegnisti Non risulta eletto il rappresentante dei dottorandi.Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.

Rendere riconoscibile lidentit degli istituti tecnici 1. Autonomia e flessibilit I dipartimenti Il comitato tecnico scientifico Lufficio tecnico. Orientamenti per lorganizzazione del curricolo 2. Le linee guida definiscono il passaggio al nuovo ordinamento degli istituti tecnici a norma dellarticolo 8, comma 3, del regolamento emanato con decreto del Presidente della Repubblica 15 marzon.

In questo documento sono presentati riferimenti e orientamenti a sostegno dellautonomia delle istituzioni scolastiche, ai fini della definizione del piano dellofferta formativa e dellorganizzazione del curricolo, ivi compresa, per il primo biennio, larticolazione in competenze, abilit e conoscenze dei risultati di apprendimento di cui agli allegati B e C del Regolamento.

Parte integrante del documento anche un breve glossario per rendere il linguaggio utilizzato pi comprensibile. Nellulteriore fase che si aprir dopo la pubblicazione delle linee guida, un programma di misure nazionali, finalizzate soprattutto allaggiornamento dei docenti e dei dirigenti scolastici, ne accompagner lattuazione.

linee guida dipartimentali per lattribuzione del titolo di visiting

Le Monnier. Il rinnovamento degli istituti tecnici va inquadrato, quindi, allinterno della cooperazione europea per la costituzione di un sistema condiviso di istruzione e formazione tecnico-professionale Vocational Education and Training - VET e, pi in generale, in coerenza con gli impegni assunti dal nostro Paese a seguito del Consiglio di Lisbona del Il Quadro europeo delle qualifiche per lapprendimento permanente EQF consente, in particolare, di mettere in relazione e posizionare, in una struttura a otto livelli, i diversi titoli qualifiche, diplomi, certificazioni, ecc.

Il confronto si basa sui risultati dellapprendimento learning outcomes e risponde allesigenza di raggiungere diversi obiettivi, tra cui quello di favorire la mobilit e lapprendimento permanente attraverso la messa in trasparenza di titoli di studio, qualifiche e competenze.

La Raccomandazione sull EQF indica, nelil termine per ladozione, da parte degli Stati membri, di sistemi nazionali per la comparazione dei titoli e delle qualifiche. Lattenzione rivolta ai risultati di apprendimento outcome-based approachpiuttosto che alla durata degli studi numero di annialle modalit o alle situazioni di apprendimento formale, informale, non-formale o alle modalit di insegnamento input-based approach. Al centro posta, quindi, la persona che apprende, indipendentemente dal tipo di percorso seguito per apprendere.

Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, adottata dal Consiglio europeo il 17 Giugnoche promuove la conoscenza e l'innovazione come motori dello sviluppo, soprattutto attraverso il miglioramento della qualit dell'istruzione, il potenziamento della ricerca, lutilizzazione ottimale delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, in modo che le idee innovative si trasformino in nuovi prodotti e servizi tali da stimolare la crescita e favorire loccupazione.

Con riferimento agli indirizzi contenuti nei citati documenti, necessario sviluppare, attraverso il contributo dellistruzione secondaria, il pensiero critico, le competenze per imparare ad imparare e le metodologie dellapprendimento attivo, aperto al rapporto con il mondo del lavoro, anche ai fini di favorire il rientro nei processi dellistruzione di giovani e adulti che ne sono stati precocemente espulsi o non ne hanno affatto fruito.

Questo impegno richiede che tutti gli istituti di istruzione secondaria superiore e, in particolare, gli istituti dellordine tecnico e professionale, progettino e realizzino programmi di studio con modalit di frequenza pi flessibili e idonee a riconoscere anche i saperi e le competenze comunque gi acquisiti dagli studenti.

La diversificazione dei percorsi di istruzione e formazione ha proprio lo scopo di valorizzare le diverse intelligenze e vocazioni dei giovani, anche per prevenire i fenomeni di disaffezione allo studio e la dispersione scolastica, ferma restando lesigenza di garantire a ciascuno la possibilit di acquisire una solida ed unitaria cultura generale per divenire cittadini consapevoli, attivi e responsabili.

Come in passato gli istituti tecnici hanno fornito i quadri dirigenti e intermedi del sistema produttivo, del settore dei servizi e dellamministrazione pubblica, cos oggi indispensabile il loro apporto in un momento in cui il progresso scientifico e tecnologico richiede menti dopera con una specializzazione sempre pi raffinata, soprattutto in un Paese, come lItalia, che ha una forte vocazione manifatturiera.

Agli istituti tecnici affidato il compito di far acquisire agli studenti non solo le competenze necessarie al mondo del lavoro e delle professioni, ma anche le capacit di comprensione e applicazione delle innovazioni che lo sviluppo della scienza e della tecnica continuamente produce.

Per diventare vere scuole dellinnovazione, gli istituti tecnici sono chiamati ad operare scelte orientate permanentemente al cambiamento e, allo stesso tempo, a favorire attitudini allautoapprendimento, al lavoro di gruppo e alla formazione continua. Nei loro percorsi non pu mancare, quindi, una riflessione sulla scienza, le sue conquiste e i suoi limiti, la sua evoluzione storica, il suo metodo in rapporto alle tecnologie. In sintesi, occorre valorizzare il metodo scientifico e il sapere tecnologico, che abituano al rigore, allonest intellettuale, alla libert di pensiero, alla creativit, alla collaborazione, in quanto valori fondamentali per la costruzione di una societ aperta e democratica.

Valori che, insieme ai principi ispiratori della Costituzione, stanno alla base della convivenza civile. In questo quadro, orientato al raggiungimento delle competenze richieste dal mondo del lavoro e delle professioni, le discipline mantengono la loro specificit e sono volte a far acquisire agli studenti i risultati di apprendimento indicati dal Regolamento, ma molto importante che i docenti scelgano metodologie didattiche coerenti con limpostazione culturale dellistruzione tecnica che siano capaci di realizzare il coinvolgimento e la motivazione allapprendimento degli studenti.

Sono necessari, quindi, lutilizzo di metodi induttivi, di metodologie partecipative, una intensa e diffusa didattica di laboratorio, da estendere anche alle discipline dellarea di istruzione generale con lutilizzo, in particolare, delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione, di attivit progettuali e di alternanza scuola-lavoro per sviluppare il rapporto col territorio e le sue risorse formative in ambito aziendale e sociale.

Ogni nuovo impianto di studi non pu prescindere, infine, da una visione che accomuni studenti e docenti.